logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Unione Montana Alpago

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Dicembre  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Social

Facebook

Meteo

immagine meteo

Servizio offerto dal Centro Valanghe di Arabba

Cimbi del Cansiglio

cimbri del cansiglio

Cimbi del Cansiglio

Per Cimbri si intendono i membri di una minoranza etnica, culturale e linguistica stanziata nelle montagne situate tra le province di Trento, Vicenza, e Verona. Un secondo gruppo di Cimbri è presente nell'altopiano del Cansiglio, in provincia di Belluno.

La tradizione mitica fa risalire l'origine di questo popolo a quello di uguale nome, proveniente dallo Jutland danese, che tentò di invadere l'Italia del nord in epoca romana, ma, sconfitto in battaglia nel 101 a.C., si sarebbe appunto ritirato nelle montagne sopraddette.

In realtà sembra assodato dagli storici che i Cimbri sono discendenti degli Tzimberer (sroncatori di boschi) chiamati dalla Germania meridionale intorno all'XI-XII secolo da feudatari imperiali, probabilmente dapprima nell'area dei Sette Comuni dell'altopiano di Asiago. Si ritiene che i primi coloni provenissero dalle zone al confine tra Baviera e Tirolo soggette all'abbazia di Benediktbeuern.

Dall'altipiano poi i loro insediamenti si sarebbero estesi sia in direzione nord, cioè verso aree all'epoca piuttosto vaste della parte meridionale della provincia di Trento (Altipiani di Folgaria, Lavarone, e poi Luserna), sia in direzione ovest e sud-ovest, attraverso l'alto vicentino, verso la Lessinia veronese (XIII Comuni Veronesi).

Nelle sue epoche d'oro, tra il 1500 ed il 1700, il gruppo cimbro poteva contare intorno alle 20.000 persone, con istituzioni che godevano di una certa autonomia amministrativa, nonchè della cura di preti che predicavano nella lingua germanica. In questa epoca di massima estensione, erano totalmente o in maggioranza cimbre le aree soggette alla seguente trentina di attuali comuni: Asiago (Sleghe - VI), Roana (Robaan - VI), Rotzo (Rotz - VI), Gallio (Ghèl - VI), Enego (Ghenebe - VI), Foza (Vuesche - VI), Lusiana (Lusaan - VI), Conco (Kunken - VI), Laghi (VI), Posina (VI - uno dei pochi toponimi di centri principali di origine cimbra [Posen], e non romanza poi germanizzata), Valli del Pasubio (VI), [[Recoaro Terme|]] (VI - toponimo di origine germanica ma probabilmente longobarda prima che cimbra), Altissimo (VI), Crespadoro (VI), Folgaria (Vielgereut - TN), Lavarone (Lafraun - TN), Luserna (Lusern - TN), Terragnolo (Leimtal - TN), Trambileno (Trumelays - TN), Vallarsa (Brandtal - TN), Centa San Nicolò (TN), Selva di Progno (Prugne - VR), Badia Calavena (Abato - VR), Velo Veronese (Veljie - Feld - VR), Roverè Veronese (Roveràit - VR), Bosco Chiesanuova (Nuagankirchen - VR), Erbezzo (Bisan - VR), San Mauro di Saline (San Moritz, Salain - VR), Cerro Veronese (Cire - VR), e in più parte dei Comuni di Ala (TN - la Val di Ronchi), e di Sant'Anna d'Alfaedo (VR)

Ad oggi si stima che le persone in grado di parlare o comprendere il cimbro siano meno di un migliaio, stanziate nel comune trentino di Luserna (Lusèrn), nella frazione di Mezzaselva (Mittebald/Toballe) del comune vicentino di Roana (Robaan), e la località di Giazza (Ljetzan) nel comune veronese di Selva di Progno. Circa 800 persone si sono registrate come appartenenti all'etnia cimbra nel più recente censimento in provincia di Trento, mentre la Regione Veneto non prevede ancora questo tipo di rilevazione. In tutte e tre le località dove sopravvive la parlata sono presenti istituzioni culturali e museali che cercano di tutelare e sviluppare l'identità cimbra. Si tratta precisamente dei seguenti istituti:

Kulturinstitut Lusèrn col Documentationszentrum Lusèrn, a Luserna (TN)

Curatorium Cimbricum Veronense col Museo Etnografico dei Cimbri di Giazza (VR)

Istituto di Cultura Cimbra col Museo della Tradizione Cimbra di Roana (VI)



Inoltre esistono istituzioni culturali "simpatizzanti" in Germania e Austria (Curatorium Cimbricum Bavarense a Landshut, Freunde del Zimern a Salisburgo, Cimbrenfreundeskreis a Tiefenbach).

In Trentino i Cimbri di Luserna, unitamente all'altra minoranza di origine germanica dei Mocheni della Valle del Fersina, godono di una legge di tutela che assicura loro una rappresentanza nel Consiglio Provinciale.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

info

Vuoi approfondire le tue ricerche...?

www.cimbri.info

www.cansiglio.it

www.cimbridelcansiglio.it

 

 

 

 

 

 

Primo piano

Errore.

IL DIRITTO DI PARLARE - Paola Del Din, Una vita in prima linea dalla Resistenza alla Guerra Fredda
di Andrea Romoli

presentazione del libro domenica 16 dicembre 2018 - ore 17:30

Ult.agg. 10/12/2018
Errore.

LA NATURA NELLO SPAZIO INFINITO
mostra di pittura di Sandra Andreetta

dal 08.12.2018 al 13.01.2019

Ult.agg. 05/12/2018
Errore.

PROGETTO RIZOMI:
pratiche generative per il lavoro

domande entro 08/02/2019

Ult.agg. 04/12/2018
Errore.

Festività di Fine Anno

Ult.agg. 30/11/2018
Errore.

Regolamento Raccolta Funghi

Data news 07/09/2017
Ult.agg. 08/10/2018
Errore.

Bonus acqua 2018

sarà possibile presentare richiesta a partire dal 1° luglio 2018

Ult.agg. 02/07/2018
Errore.

Nuova apertura Biblioteca Popolare di Chies

Data news 28/04/2016
Ult.agg. 29/04/2016
Errore.

Interscambio culturale

Data news 10/09/2015
Ult.agg. 11/09/2015
Sede Legale Piazza 11 gennaio 1945, 1 32010 Tambre. Sede Operativa Viale Venezia 27/D - Garna 32016 Alpago
P.Iva 00208400259
PEC: cm.alpago.bl@pecveneto.it (solo da altra PEC)